Con un ampio giro d’affari e caratterizzato da tendenze in continuo divenire, l’arredo da esterno è un settore in crescita e i retailer specializzati sono sempre più attenti alla sua evoluzione. Tanto che a settembre (dal 14 al 16) sarà la volta della prima edizione di HOMI Outdoor Home&Dehors, il nuovo concept di Fiera Milano dedicato al complemento d’arredo da interno e da esterno.

Ed è insieme alla Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi, che la segreteria della manifestazione ha raccolto dati quantitativi sul mercato e qualitativi sulle tendenze in atto.

Le cifre
Con un business da 1,8 miliardi di Euro per le imprese lombarde su 5 miliardi in Italia il settore è rappresentato a livello nazionale da 1430 imprese dedicate principalmente all’arredo esterno. Nei comparti dedicati all’outdoor, la Lombardia, pesa il 16% , seguita da Veneto, Campania, Toscana e Sicilia, tutte con oltre mille imprese. Rispetto al fatturato nelle imprese, il territorio lombardo è molto rappresentato, Milano in pole position con 488 milioni di Euro, seguita da Bergamo con 404 milioni e Brescia con 377 milioni. Tra le altre città più rappresentative troviamo Udine (388 milioni di euro) e Pesaro Urbino (307 milioni di euro).

Rispetto al numero di imprese nel settore, invece, la classifica di Camera di Commercio vede prima Napoli con oltre 800 imprese, poi Roma e Milano con circa 700, Padova e Torino con quasi 600. Tra gli imprenditori nel settore, a livello nazionale molte sono le donne, una su tre, ed è alta la presenza (20%) di titolari di impresa stranieri. Si distinguono anche i giovani (under 35) che rappresentano l’8% del totale delle aziende italiane.

Le tendenze in atto
Rispetto alla scelta cromatica viene evidenziata dalle aziende una forte preferenza dei colori a tinte chiare, bianco, ma anche legno – che caratterizzeranno soprattutto i complementi di arredo, in netto contrasto con le cromie delle stampe di tovaglie e tende da esterni, caratterizzate da tinte più forti, stampe afro e motivi divertenti o eleganti ispirati alla natura. Le atmosfere di balconi e giardini potranno, così, citare il tipico gusto mediterraneo, anche al centro di una città lontana dal mare.

Accessori di paglia o vimini, lunghe e sottili piantane per illuminare, morbidi cuscini con stampe che riportano i motivi arabeggianti delle città della costa africana, trasformeranno anche il più semplice balcone in un’elegante oasi tropicale. Alla cultura dell’ ”usa e getta” anche per l’esterno si contrappongono accessori pensati per durare, come bicchieri di resina dalle forme irregolari o dai colori sgargianti, ma anche piatti apparentemente cesellati nella pietra che danno un tocco “selvaggio” alle tavole dei pranzi all’aperto. La qualità e la durata sono, infatti, una delle caratteristiche più ricercate dal consumatore e le aziende si stanno, dunque orientando a offrire prodotti sempre più durevoli e pregiati.

Anche l’acquisto dell’ultimo minuto sembra essere un trend: decidere soltanto in questi primi giorni di bella stagione di dare un tocco di novità al giardino è, infatti, una tendenza che le aziende sottolineano. Questi acquisti last minute sono spesso oggetti originali, particolarmente variopinti o comunque dotati di forte personalità pensati per regalare un “colpo d’occhio” divertente o originale agli spazi aperti. Ancora difficile, in questo caso, definire la tendenza tra vasi dipinti, runner colorati o candele profumate (perché, anche all’esterno, non esiste solo il profumo di citronella antizanzare).

Trend che aspetteremo di visionare direttamente a HOMI Outdoor Home&Dehors, manifestazione dedicata agli operatori, e che propone scenari pensati per la gioia di abitare ogni spazio: da ogni stanza della casa, fino al balcone, al terrazzo e al giardino.

Inizia a scrivere e premi Invio per cercare